Un Asso nella manica salva i lavoratori della Maistri


Riparte con 25 dei 64 dipendenti la produzione nello stabilimento Maistri di Corrubio di Negarine, fermo da agosto e ora acquisito dalla Asso Spa di San Pietro in Cariano.

La Asso subentra in realtà con una newco, che si chiamerà Maistri Innovation srl, il cui amministratore delegato è Vittorio Zardini, già vicepresidente di Asso Spa, che terrà le redini della nuova realtà imprenditoriale insieme a Giovanni Venturini, presidente e amministratore delegato.

Dopo il tentativo naufragato di alleanza con Minotti-Giacomelli (il primo ceduto al Fondo Opera, il secondo fallito), la Maistri, attiva dal 1946 nella produzione di cucine componibili, era stata bloccata dal peso eccessivo dell’indebitamento con le banche e i fornitori.

Da inizio 2011 i lavoratori avevano visto colleghi rimanere a casa, dopo un’apertura di mobilità su base volontaria che aveva ridotto la forza lavoro di quaranta unità. Ora però dopo un anno di incertezza si apre uno spiraglio per il 64 lavoratori in cigs con l’atto di cessione firmato dopo una trattativa serrata durata meno di un mese.

Alla direzione generale di Maistri Innovation srl ci sarà Valentino Alaia, che si occuperà della gestione operativa e commerciale della società.

La newco è detenuta al 90% dalla Asso spa, mentre Zardini e Venturini detengono ciascuno il 5%. Nel dettaglio, l’operazione, che si è conclusa dopo sole due settimane di trattative e non è stata fatta sul capitale, che resta nelle mani della famiglia Maistri, ma sulla gestione: la nuova società ora ha in affitto una parte dell’immobile nella quale riprenderà la produzione, continuando ad utilizzare il marchio Maistri.

Una volta terminata la procedura di concordato si arriverà all´acquisizione della parte di azienda ora in affitto, in un tempo previsto di sei-nove mesi.

L’azienda riprenderà quindi la produzione, ma sono previste alcune novità, anche alla luce dei dati di bilancio relativi allo scorso anno, quando l´azienda aveva chiuso con una perdita di oltre 3,2 milioni e 17,8 milioni di debiti a fronte di un fatturato che superava di poco gli 8,1 milioni.

La Asso Spa di San Pietro in Cariano è un’azienda nata all’inizio degli anni Novanta specializzata nella realizzazione di allestimenti per negozi completi, chiavi in mano. Per questo c’è la possibilità che lo stabilimento veronese ampli la sua produzione, dedicandosi non solo alla realizzazione di cucine ma anche di altra tipologia di arredamento.


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia