Per un'altra politica europea


Nell’ambito della sua Campagna e in vista delle elezioni europee del maggio prossimo la Ces ha adottato un Manifesto contenente alcune indicazioni per «un’altra politica europea» che abbia come obiettivo l’Europa sociale:

• Una strategia per l’occupazione deve essere la priorità assoluta, con un ambizioso piano di investimenti, una nuova politica industriale europea, una transizione verso uno sviluppo sostenibile e un bilancio europeo deciso democraticamente e orientato socialmente.

• La fine immediata delle politiche di austerità: l’Ue deve porre la solidarietà al centro delle sue politiche.

• La garanzia che le libertà economiche non possono prevalere sui diritti sociali fondamentali: la nozione fondamentale di progresso sociale deve essere confermata da un Protocollo di progresso sociale allegato ai Trattati.

• Il rispetto e la promozione della contrattazione collettiva e dell’autonomia delle parti sociali. Il dialogo sociale deve essere promosso a tutti i livelli.

• Porre fine al lavoro precario e introdurre un reddito minimo sociale sulla base di principi comuni europei.

• Una garanzia di salute e sicurezza sul lavoro ed evitare qualsiasi ulteriore indebolimento della direttiva sull’orario di lavoro.

• Ristabilire la coesione e la giustizia sociale. Devono essere adottate misure efficaci e vincolanti al fine di combattere la concorrenza al ribasso.

• Contrastare le forme persistenti di discriminazione a tutti i livelli. La mobilità deve essere equa, giusta e liberamente scelta, i lavoratori migranti devono ricevere lo stesso trattamento degli altri lavoratori e devono essere informati sui loro diritti, azioni specifiche devono sforzarsi di colmare i divari tra uomini e donne.

• Garantire servizi pubblici di qualità e servizi di interesse generale accessibili a tutti, come previsto dalla Carta dei diritti fondamentali.

• La sicurezza sociale è un diritto umano fondamentale, il cui finanziamento deve essere condiviso e distribuito equamente; il ruolo dei regimi pensionistici pubblici rimane fondamentale e deve essere rafforzata la solidarietà tra le generazioni.

• Una politica fiscale più equa: sono necessarie nuove misure decisive e vincolanti per combattere l’evasione fiscale e la frode, la corruzione, il lavoro nero e la speculazione. I controlli sui mercati finanziari e le istituzioni finanziarie a beneficio dell’economia reale devono essere rinforzati.

• Trasparenza, legittimità e responsabilità della governance economica europea, nella quale devono essere integrati indicatori sociali.

• Rafforzamento della democrazia e della trasparenza all’interno delle diverse istituzioni europee, ristabilendone credibilità e legittimità per il cittadino europeo. Il potere del Parlamento europeo di controllare e influenzare le politiche e le normative europee deve essere rafforzato.

• L’Ue e i suoi Stati membri devono rigorosamente rispettare strumenti europei ed internazionali, quali le convenzioni dell’Ilo.

• Informazione, consultazione e diritti di partecipazione al lavoro non possono essere indeboliti, deve essere rafforzata la democrazia nei luoghi di lavoro soprattutto nel caso di ristrutturazioni.

Volantino


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia