Il Governo e la riforma del lavoro


Anche il governo Renzi ha iniziato la sua corsa intervenendo sul mercato del lavoro.

Molti ricorderanno la premessa della riforma Fornero che, individuando nel lavoro a tempo indeterminato la tipologia contrattuale a cui tendere per raggiungere l’obiettivo di creare rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato, indicava preferibile la stabilità alla precarietà. Altrettanto sosteneva lo stesso governatore Draghi quando definiva il lavoro precario “macelleria sociale”.

Il lavoro a tempo indeterminato, infatti, non solo dà l’opportunità al lavoratore di un impiego stabile ma contribuisce allo sviluppo dell’economia negli investimenti a lungo periodo. (Si pensi ad esempio alla possibilità di accedere ad un mutuo per l’acquisto della prima casa). Inoltre, il lavoro stabile garantisce alle imprese continuità nel rapporti e quindi un apporto professionale con produzioni ad alto valore aggiunto.

Il lavoro precario, oltre a generare incertezza sul futuro, non spinge le imprese a compiere scelte produttive a lungo periodo, con investimenti in specializzazione, conoscenza, o altri elementi strategici per la competizione nel mercato globale.

L’Italia negli ultimi vent’anni ha avuto un caleidoscopio di tipologie contrattuali e non è certo stata la rigidità del mercato del lavoro o dei rapporti di lavoro a determinare la crisi produttiva o quella dei consumi.

Ecco ora il governo Renzi non intervenire sulle tante tipologia di contratti precari, rendendo ancora più incerto il contratto a tempo determinato, permettendone ben otto reiterazione in un massimo di 36 mesi. Il Governo è inoltre intervenuto anche sull’apprendistato, rendendolo non più l’anticamera del tempo indeterminato, come dovrebbe essere, ma unicamente un contratto a basso costo per l’impresa, che non prevede formazione o assunzione di altri apprendisti da sostituire con i lavoratori formati e assunti stabilmente.
Si chiama deregolamentazione? Si chiama Neoliberismo? Chiamatelo come volete ma certamente non sono queste le scelte che porteranno ad una ripresa economica.


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia