Crisi aziendale: Cas Castagnaro, anche l’alimentare finisce in “cassa”


Un buco da 30 milioni di euro e un´esposizione bancaria di circa 18 milioni, in attesa del concordato preventivo, è Cig per 78 lavoratori.

La Cas, storica impresa di Castagnaro che dal 1963 trasforma frutta e verdura in succhi, concentrati, polveri ed aromi, ha chiesto e ottenuto la Cig per 78 lavoratori. Per ora la cassa integrazione viene anticipata dai due istituti bancari di Unicredit e Cassa Padana, mentre il trattamento di fine rapporto sarà erogato dall´Inps.

Lo sconcerto dei lavoratori è dato soprattutto dal fatto che la società per azioni, di proprietà della famiglia tedesca Steinhauser, che ne possiede una quota pari al 95%, e dell’altoatesina Zipperle, che ne ha invece il 5%, nel 2011 registrava un fatturato di 28,17 milioni di euro, con una perdita di 5,09 milioni, in aggiunta ai risultati negativi dell´anno precedente. Ma nel giro di due anni ha raggiunto un buco da 30 milioni di euro, con un´esposizione bancaria di circa 18 milioni e altri 12 milioni sarebbero, invece, da riferirsi a situazioni debitorie con aziende agricole del territorio.

Incerto il futuro, una piccola speranza viene dal concordato preventivo. “Ci è stato riferito”, commenta Matteo Merlin della Fai Cisl “che qualche giorno fa dovrebbe essere stata presentata un’istanza di concordato preventivo, con la quale il Tribunale di Verona passerà alla nomina di un commissario straordinario liquidatore che vaglierà i libri contabili aziendali”. Un passaggio che potrà garantire la riduzione del debito, favorendo l’acquisizione da parte di ditte interessate.

Intanto, a far sentire presto la loro voce ci penseranno gli stessi dipendenti. “I lavoratori”, afferma Massimo Castellani, segretario generale Cisl Verona, “oltre a protestare hanno bisogno di speranza. Per questo ci siamo subito attivati per dar loro tutele e garanzie. Ed ora proseguiremo su questa strada”


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia