BONUS 80 euro per disoccupati (e altri ancora)


L’Inps paga il bonus 80 euro

Da questo mese di luglio l’Inps provvederà a pagare il bonus anche ai lavoratori che percepiscono l’indennità di disoccupazione tramite ASPI, Mini Aspi o che beneficiano della Indennità di mobilità ordinaria (legge 223/91) e alle altre categorie di lavoratori che beneficiano di indennità assimilate al reddito di lavoro dipendente.

Gli interessati saranno avvisati tramite un SMS.

Il Bonus per questi lavoratori è eguale a quello percepito da chi è occupato: 80 euro per ogni mese di lavoro e/o di indennità, per un massimo di 8 mesi (640 euro).

Il bonus non costituisce reddito e non è tassato.

A chi va in tasca?

L’Inps paga il bonus a chi percepisce (compresi i lavoratori soci di cooperative) una indennità sostitutiva del lavoro come l’ASPI, la Mini ASPI e l’indennità di mobilità.

Bonus pagato anche a chi percepisce l’indennità di disoccupazione speciale edile o il sussidio per lo svolgimento di lavori socialmente utili ma anche a coloro che ricevono dall’Inps, tramite il Fondo di garanzia, crediti di lavoro (le cosiddette ultime tre mensilità, legge n.80/92).

Infine il bonus viene riconosciuto e pagato dall’Istituto alle donne che percepiscono l’indennità di maternità per congedo obbligatorio dal lavoro (l.151/2001), ai padri in congedo obbligatorio (legge n.92/2012) e a chi beneficia di prestazioni di malattia pagate direttamente dall’Inps.

Non viene invece riconosciuto nei pagamenti anticipati in una unica risoluzione delle indennità o nelle prestazioni a tassazione separata.

Limiti di reddito

Per beneficiare del bonus bisogna percepire nel 2014 un reddito annuo complessivo (*) non superiore ai 26.000 euro.

Sono previsti dei limiti di reddito sia in basso che in alto.

· Non ha diritto al bonus chi ha Irpef zero per effetto della sola detrazione da lavoro dipendente. Es: chi lavora tutto l’anno e non supera gli 8.000 euro.

· Chi ha un reddito annuo superiore ai 24.000 ma che non supera i 26.000 euro: ha diritto ad un bonus ridotto.

· Oltre i 26.000 euro non si ha diritto al bonus.

(*) complessivo= somma di stipendi, compensi occasionali, indennità, redditi fondiari, ecc. ad esclusione del reddito della casa di abitazione principale e pertinenze ed i premi di produttività detassati.

Come si beneficia del bonus

L’Inps paga automaticamente.

Si può invece richiedere, attraverso un apposito modulo (SPR 150), di non ricevere in toto o in parte il bonus se il reddito complessivo supera le soglie.

In tutti i casi ci sarà un conguaglio nel 2015 a cura dell’Inps o nella Dichiarazione dei redditi.

Se l’Inps non paga chi ne ha diritto può farne richiesta sempre con il modulo SPR 150

Volantino


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia