Verona Primo Maggio 2012


Incontriamoci a Verona, il primo maggio 2012, davanti i cancelli delle ex Fonderie Biasi per chiedere con forza al Governo Nazionale, alle Banche, alle Istituzioni Locali, azioni concrete per la ripresa economica.

A Verona stanno scomparendo i luoghi di lavoro. Biasi, Adige, Over, Tiberghien e molte altre piccole e grandi imprese che non fanno notizia. Manca il lavoro e per far ripartire l’economia serve maggiore equità. Servono investimenti, incentivi e una seria programmazione territoriale. Servono provvedimenti di sostegno al reddito dei lavoratori dipendenti e dei pensionati.

Le banche pensano ai loro profitti e hanno rinunciato al ruolo fondamentale di essere soggetti in grado di raccogliere risparmi per investirli in produzione. Raccolgono ancora i risparmi, quelli rimasti, per utilizzarli però in speculazioni finanziarie.

Per questo tutti coloro che hanno a cuore il bene di Verona sono invitati a testimoniare con la loro presenza

MARTEDÌ PRIMO MAGGIO DALLE ORE 10.00 ALLE 11.30 davanti a un simbolo del manifatturiero veronese che sta scomparendo: le EX FONDERIE BIASI

Saremo tutti lì. Lo saremo per i lavoratori e per chi il lavoro l’ha perso, per i giovani che stanno cercando il primo impiego e per le donne disoccupate, per gli immigrati senza lavoro, per gli esodati rimasti senza pensione e senza speranza, per i pensionati con le pensioni al minimo e per chi deve lavorare anche il primo maggio per non essere licenziato. Saremo li tutti insieme per l’economia veronese.

CGIL CISL UIL DI VERONA VI ASPETTANO NUMEROSI, NOI CI SAREMO

Volantino


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia