Rapporto Isfol: le imprese che investono in formazione reagiscono meglio alla crisi


Con il rifinanziamento delle politiche attive per l’anno 2014, le imprese del Veneto interessate da cassa integrazione ordinaria, straordinaria, in deroga o da contratti di solidarietà possono presentare, entro il 16/06/2014, progetti di rilancio aziendale che implichino la valorizzazione delle competenze professionali dei propri dipendenti.

Proprio le imprese che hanno investito in formazione e innovazione, secondo il XIV Rapporto sulla formazione continua realizzato dall’Isfol e disponibile sul sito internet dell’Istituto, www.isfol.it, si sono dimostrate capaci di reagire con più efficacia alla crisi. Il numero di adulti (25-64 anni) che nel 2012 ha partecipato in Italia a iniziative di formazione continua risulta in crescita (6,6% contro il 5,7% dell’anno precedente), così come il numero di occupati, cassintegrati compresi, che sale dell’1,1%.

Far crescere le competenze all’interno delle aziende è anche una delle priorità individuate dall’Aidp-Associazione italiana per la Direzione del Personale per la creazione di nuove professioni in grado di innalzare il livello di produttività del Paese. L’associazione evidenzia come la migliore formazione sia proprio quella fatta dagli imprenditori e dai manager dell’azienda stessa e come sia necessario fornire ai lavoratori una serie di strumenti che assicurino loro opportunità di crescita e di salvaguardia nel mercato del lavoro.

Per info http://www.cliclavoroveneto.it/home


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia