Presidio pensionati veronesi


Al Presidente della Repubblica Italiana

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

I Pensionati di Verona e provincia sono fortemente preoccupati rispetto all’andamento della crisi economica e sociale che il Paese sta vivendo.

Soprattutto le fasce più deboli della popolazione quali i pensionati , anche a causa delle scelte del Governo, stanno pagando un prezzo altissimo e stanno subendo sempre di più un impoverimento significativo della loro condizione economica.

  • Pertanto chiediamo politiche diverse, che possano favorire giustizia sociale e un concreto rilancio del potere d’acquisto delle pensioni, ulteriormente penalizzato dal blocco della rivalutazione per gli anni 2012 e 2013.
  • Sottolineiamo oltre modo il grave problema delle persone incapienti, chiedendo al Governo ed al Parlamento interventi che agevolino quei cittadini che stanno già nella soglia di esenzione fiscale.
  • Oltre tutto nell’ambito di una riduzione del carico fiscale per i lavoratori dipendenti siamo a chiedere la parificazione della fascia esente prevista per i pensionati di 7.500 euro a quella dei lavoratori dipendenti di 8.000 euro.
  • Inoltre, nell’ottica di un welfare equo e solidale, chiediamo l’approvazione urgente delle Legge per la non autosufficienza, con relativo fondo che costituirebbe un gesto di civiltà per tutto il Paese e avvicinerebbe l’Italia ai grandi Paesi Europei.

LE SEGRETERIE PROVINCIALI DI VERONA SPI CGIL FNP CISL UILP UIL

Volantino


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia