Nido, scuola e università: le agevolazioni e le novità fiscali


Nel 2016 sono in vigore alcuni provvedimenti delle Leggi Buona Scuola e Stabilità per la detrazione fiscale delle spese sostenute dalle famiglie per l’asilo nido, la scuola dell’obbligo e superiore e l’università. La novità principale è che queste agevolazioni fiscali sono state allargate anche a chi ha scelto per i propri figli il privato.


Detrazioni spese per frequenza scolastica

Le spese effettuate nel 2015 per la frequenza delle scuole d’infanzia (comprese quelle parrocchiali), elementari e medie inferiori, superiori statali, comunali e paritarie private sono detraibili con la Dichiarazione dei redditi 2016 (anche le rette per la refezione scolastica!).
La detrazione Irpef è del 19% e si applica su un importo massimo di euro 400,00 (si risparmiano così 76 euro) per ogni figlio.
Se per queste spese si beneficia delle detrazioni non è possibile farlo anche per eventuali erogazioni liberali verso le istituzioni scolastiche (e viceversa)


Detrazioni spese frequenza asili nido

Le spese effettuale nel 2015 per la frequenza degli asili nido pubblici e privati sono detraibili con la Dichiarazione dei redditi 2016.
La detrazione è del 19% e si applica su un importo massimo di euro 632,00 (con un risparmio di euro 120,08) per ogni figlio.


Detrazioni spese frequenza università

Le spese sostenute per la frequenza di corsi di istruzione universitaria presso università statali e non statali italiane o straniere sono detraibili.
La detrazione Irpef è del 19% . Sono comprese le spese per iscrizioni fuori corso.
Un decreto del Ministero dell’Istruzione stabilità l’importo massimo delle spese detraibili per chi frequenta
università non statali italiane o straniere.


Erogazioni liberali scuole statali e paritarie

Le erogazioni liberali alle istituzioni scolastiche statali e paritarie sono detraibili nella misura del 19% .
Le erogazioni devono essere finalizzate alla innovazione, l’edilizia scolastica o all’ampliamento dell’offerta formativa (es. nuovi corsi).
Le somme vanno versate tramite bonifico bancario o postale o con carte di pagamento.


Per informazioni chiama il Caf Cisl al n. 0458096027 o scrivi a info@cislverona.it

Scarica il volantino


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia