Mondadori dove sei?


La FISTel CISL e la CISL di Verona in relazione alla situazione venutasi a creare con la messa in discussione degli accordi commerciali tra Arnoldo Mondadori Editore ed Elcograf (ex Mondadori Printing), denuncia l’atteggiamento della Arnoldo Mondadori Editore che, attraverso la proprietà (famiglia Berlusconi), venendo meno ad accordi commerciali presi rischia di mettere in discussione l’occupazione di 1100 Lavoratori, di cui 600 a verona, e la chiusura del primo gruppo stampatore in Italia, questo in contrasto con le attuali dichiarazione mediatiche di non aver mai licenziato alcun Lavoratore e di avere a cuore l’occupazione.

Vogliamo ricordare che quando è stata rilevata la Mondadori Printing da parte del Gruppo Pozzoni l’Arnoldo Mondadori Editore si è impegnata per un periodo di 8 anni rinnovabili alla scadenza di altri 5 a conferire alla Mondadori Printing l’incarico di provvedere all’esecuzione delle attività di prepress, stampa, legatoria e confezione dei libri e periodici della casa editrice Mondadori.

Oltre a questo l’accordo prevede una clausola nella quale l’Arnoldo Mondadori Editore si impegna a conferire ulteriori lavorazioni inerenti nuove iniziative commerciali a parità di condizioni di mercato.

Tutto questo per garantire al Gruppo Pozzoni – Elcograf il mantenimento del Gruppo Mondadori quale cliente e alla casa Editrice Arnoldo Mondadori Editore la stampa dei propri prodotti senza soluzione di continuità.

La FISTel CISL e la CISL di Verona restano in attesa della definizione dei nuovi accordi auspicando che prevalga il buon senso da entrambe le parti. In caso contrario verranno adottate tutte le iniziative a tutela dei posti di lavoro messi in pericolo dalla mancanza di tale accordo, non escludendo iniziative di lotta ed azioni di protesta nei siti della casa Editrice Arnoldo Mondadori Editore a cominciare dalla sede principale di Segrate a Milano.

La FISTel CISL e la CISL di Verona si appellano inoltre a tutte le forze politiche e a tutti i candidati al nuovo parlamento, a cominciare da quelli di Verona e degli altri  territori interessati, affinché venga data la massima attenzione alla vicenda delle 1100 famiglie che, in un panorama già difficile per l’occupazione in Italia, aggravato ulteriormente dalla situazione di crisi del settore grafico richierebbe di creare nuovi disoccupati con enormi difficoltà di ricollocazione nel mercato del lavoro.

Il segretario gen FISTEL CISL             Il Segretario gen CISL Verona
Antonio Belviso                                          Massimo Castellani


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia