“Cig” in deroga per aziende alluvionate


Esteso l’utilizzo della Cig (Cassa integrazione guadagni) in deroga per le imprese alluvionate. Lo comunica la Regione Veneto nella nota che riportiamo, tratta da Venetolavoro.it. Come vedete si tratta della fase operativa per la richiesta della Cig in deroga per le aziende alluvionate.

La nota dalla pagine web di “Co Veneto” recita così: “23/11/10: CIG in deroga per aziende direttamente o indirettamente colpite dall’alluvione. La Regione del Veneto in accordo con le parti sociali regionali ha disposto un’estensione dell’utilizzo della CIG in deroga per le imprese interessate dagli eventi alluvionali. Per periodi ricompresi entro il 31/12/2010, le imprese direttamente interessate dagli eventi alluvionali possono accedere alla CIG in deroga senza la necessità della consultazione sindacale anche oltre i limiti di durata previsti dalle linee guida anno 2010. L’impresa dovrà presentare apposita domanda con le modalità previste dalle linee guida anno 2010. L’invio della domanda alla Regione in supporto cartaceo dovrà essere accompagnato da un’autocertificazione in merito agli eventi alluvionali. Le imprese potranno presentare la domanda di CIG entro e non oltre il 31 dicembre 2010. Per i medesimi periodi, anche le imprese che sono indirettamente interessate dagli eventi alluvionali possono accedere alla CIG in deroga anche oltre i limiti di durata previsti dalle linee guida anno 2010. In questo caso le imprese dovranno rispettare tutte le procedure ivi previste, ed, in particolare, la consultazione sindacale nella quale si dovrà dare esplicitamente atto delle specifiche circostanze che hanno determinato la crisi aziendale. L’amministrazione regionale si riserva di effettuare verifiche e controlli sulle domande di CIG in deroga collegate agli eventi alluvionali. CO Veneto sarà reso idoneo a ricevere questo tipo di domande CIGD a partire dal 03/12/2010“.


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia