Aeroporto Catullo


Se l’aeroporto di Verona fosse un’impresa tradizionale e non partecipata da enti pubblici i libri contabili sarebbero in tribunale da molti mesi. Ma probabilmente il fatto che sia un’azienda pubblica ha permesso una gestione più superficiale fino a determinare un buco da oltre 80 milioni di euro.

Il distratto rischia però ora di coinvolgere non solo la struttura in se, che già  sarebbe pesante per chi ci  lavora, ma determinerebbe un gravissimo deficit per tutta l’economia scaligera, sia dal punto di vista economico che d’immagine.

Negli ultimi giorni le critiche nella gestione dello scalo sono state condite per lo più  in salsa pre elettorale, cosa assolutamente evitabile, i problemi quando sono così grandi e importanti dovrebbero essere risolti con la partecipazione di tutti, senza atteggiamenti opportunisti e privi di proposte concreta.

Ora, viste le casse dell’aeroporto, è difficile pensare ad un risanamento e contemporaneamente ad un rilanci, perché mentre per far decollare un aereo serve carburante per rilanciare un aeroporto servono molti quattrini. Allora perché non fare come con Alitalia: una new eco nella quale trasferire tutte le attività  non in perdita, lasciare i debiti nella vecchia società  e proporre un concordato ai creditori? Ovviamente sarà  necessario avviare anche  un accertamento di responsabilità  nei confronti degli amministratori. Mi rendo conto che la mia proposta, oltre che sintetica, potrà  sembrare specie per i creditori impraticabile, ma non vedo altre scelte se non quella d’impoverire ancor più lo scalo veronese trasferendo i voli negli aeroporti vicini, i quali come falchi non stanno aspettando altro. Ovviamente nella nuova società  i lavoratori dovranno essere rappresentati in un consiglio di vigilanza e controllo per evitare che situazioni come quelle che stiamo vivendo si ripetano.


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia