Aeroporto Catullo. Firmati due accordi


Avio Handling, cassa integrazione per i 212 addetti. Due accordi firmati in poche ore per il futuro dei lavoratori della Avio Handling, la società di servizi aeroportuali messa in liquidazione dalla Catullo Spa. Verrà chiesta per tutti 212 la cassa integrazione straordinaria di un anno, almeno 130 di loro saranno riassorbiti dalla Gh, la handler che opera all’aeroporto, e altri sei dalla Catullo spa. È il bilancio dei due tavoli che ieri hanno visto riuniti nella sede di Confindustria Verona Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporti prima con i rappresentanti di Gh e, successivamente, con i rappresentanti del Gruppo Catullo Spa, per l’accordo di Cigs. Gh, che acquisirà la fetta di mercato che al Catullo apparteneva ad Avio, riassumerà a partire da febbraio 2013 130 full time equivalenti, che potrebbero corrispondere però a più lavoratori tra full e part time, attingendo dal serbatoio occupazionale della crisi Avio. L’accordo prevede un dato organizzativo relativo alla tipologia di figure che verranno assunte: saranno operatori unici aeroportuali polivalenti, con un livello di inquadramento più alto rispetto al precedente contratto Avio. Saranno riconosciuti al 50% gli scatti di anzianità accumulati; e sarà riconosciuto subito il 20% dei superminimi aziendale e individuale, un altro 30% dal 2014 al 2016. A settembre 2013 è previsto un incontro con Gh per fare una valutazione sulla situazione e ipotizzare la possibilità di un premio produttività. Il secondo tavolo, quello con il Gruppo Catullo spa, si è concluso con l’accordo per la cassa integrazione straordinaria per un anno per tutti i 2012 lavoratori di Avio: oltre a quelli che saranno assorbiti da Gh, una parte potrebbe essere contrattualizzati da Ags, l’altra handler operante al Catullo alla quale i sindacati hanno chiesto un confronto, allo scopo di ottenere una accordo analogo a quello con Gh. Sei ulteriori lavoratori potrebbero poi essere assorbiti dalla Catullo come operatori de-icing. Soddisfatti i sindacati: «I lavoratori hanno accettato sacrifici per contribuire a risanare la condizione attuale», si legge nella nota condivisa, «ora ci aspettiamo con la stessa responsabilità di soci e consiglio di amministrazione del Catullo Spa». Il presidente dell’aeroporto Paolo Arena, ha ringraziato sia le sigle sindacali che Confindustria, sottolineando come «oggi l’aeroporto ha raggiunto un’altra tappa importante nel processo di ristrutturazione societaria»

(dal quotidiano L’Arena)


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia