Un Fondo Pensione per i lavoratori atipici


Solidarietà veneto è l’unico fondo pensione aperto anche ai lavoratori atipici: a progetto, lavoratori in somministrazione a lavoratori con partita Iva.

A gennaio di quest´anno Solidarietà Veneto è partita con gli «investimenti territoriali» in base ai quali la componente obbligazionaria del portafoglio del Fondo potrà essere diversificata attraverso la stabile destinazione del 5% del patrimonio (circa 30milioni di euro), in strumenti obbligazionari diversi dai titoli di Stato. Il progetto avrà l´importante effetto di tradursi in credito alle Pmi, artigiani e industrie del Veneto.

A Verona il bacino potenziale di questi lavoratori è ampio: lavoratori con contratto a progetto sono 9.000, le partite Iva complessivamente spurie sono 22mila, mentre i somministrati, cioè gli assunti tramite agenzie interinali, sono poco più di 5mila.

I giovani devono capire cosa è stato introdotto nel ´95 dalla Riforma Dini: chi l´ha fatta, decise che la responsabilità delle pensioni sarebbe caduta sulle spalle delle nuove generazioni. I risultati di quella riforma non li stiamo ancora percependo: arriveremo a pensioni dimezzate rispetto a quelle dei nostri padri. Io sono a favore della previdenza complementare obbligatoria, dobbiamo lavorare per raggiungere un obiettivo: una volta assunti, i lavoratori oltre a versare i contributi all’Inps li devono versare anche ad un secondo fondo. Fra qualche anno una sola pensione non basterà più.


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia