Rinnovato il Contratto Nazionale Legno e Lapidei Artigiani


Dopo oltre un anno di trattativa è stato sottoscritto tra Cna, Confartigianato, Casartigiani, Claai e Feneal, Filca, Fillea, l’accordo per il rinnovo del Ccnl legno/lapidei-artigianato, che interessa 130.000 lavoratori e 35.000 imprese. L’accorpamento dei due settori era stato deciso il 28 settembre scorso con un accordo sottoscritto da Cisl e Uil. Il contratto decorre dal 1° gennaio del 2010 e scadrà il 31 dicembre 2012. Per quanto riguarda la parte economica è prevista la corresponsione di un importo forfettario di 150,00 euro suddivisi in due tranches: 80,00 euro con la retribuzione di aprile e 70 euro con la retribuzione di ottobre 2011. L’aumento salariale, a regime, è pari ad 80,00 euro nel legno – parametro D, 84,00 euro invece per i lapidei. I contenuti dell’Accordo: “la valutazione positiva – dichiara Paolo Acciai, segretario nazionale della Filca – riguarda l’avvio di un percorso di armonizzazione completa dei settori legno e lapidei, oltre ad implementare i compiti dell’Osservatorio Nazionale di Settore che accorpa i due precedenti. Entro 6 mesi dalla stipula del contratto le parti si incontreranno per valutare soluzioni al fine di promuovere ed incentivare forme di articolazione della prestazione lavorativa, per conciliare tempi di vita e tempi di lavoro. Novità positive per i lavoratori immigrati, per i quali è contemplato un sistema rispondente alle loro esigenze in tema di permessi retribuiti e ferie; sull’apprendistato professionalizzante si prevede che i periodi di sospensione siano comunque utili ai fini della determinazione della progressione retributiva dell’apprendista; viene recepito l’accordo interconfederale (firmato da Cisl e Uil) sulla bilateralità e quello sulla sanità integrativa; infine si afferma un impegno comune per l’individuazione delle Rlst”. La firma dell’accordo è arrivata tardi per una divergenza di veduta delle parti circa l’inserimento, nel testo, di alcune figure professionali del restauro che oggi fanno riferimento al contratto dell’edilizia. Su questa possibilità, soteggiata dalla Filca, e sulla armonizzazione dei livelli professionali, si discuterà nel corso di un incontro già fissato per il prossimo 16 marzo.

scarica il testo firmato


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia