Operai interinali in Luxottica arriva lo sportello Cisl. Partirà lunedì un nuovo percorso di informazione per aiutarli a non perdere rimborsi e benefici


AGORDO Un percorso di accompagnamento per i lavoratori “somministrati” nella loro esperienza lavorativa. Si chiama

“Striscia Rossa” (come il colore del cordellino a cui i somministrati appendono il tesserino) l’iniziativa messa in campo
dalla Femca Cisl e dai delegati sindacali: partirà in via sperimentale lunedì prossimo alla Luxottica di Agordo; se i
risultati saranno positivi, sarà esportata anche in tutti gli altri stabilimenti provinciali. «Abbiamo notato che molto spesso i lavoratori con contratti di somministrazione del lavoro (quelli che vengono assunti dalle agenzie interinali) non sono pienamente informati sul funzionamento del welfare aziendale e quindi sulla possibilità di accedere anch’essi al rimborso dei libri scolastici, delle spese mediche o del carrello della spesa, oppure non sanno cosa fare in caso di malattia o a che tipo di rimborsi particolari possono aver diritto. È già accaduto che, magari per poca informazione, alcuni dipendenti abbiano perso l’indennità di disoccupazione al termine del loro contratto, perché non sapevano come fare o a chi rivolgersi. Per far sì che ciò non accada più, vogliamo informarli e supportarli: questo sarà il nostro compito», precisa Aldemar Soccol, uno dei due delegati della Femca Cisl che sarà incaricato di questo compito. «La nostra formazione è stata curata dal delegato regionale della Felsa Cisl, che sarà presente lunedì all’avvio di questa sperimentazione». Due saranno i referenti in fabbrica: Soccol e la collega Suzane Bras, che avrà un compito operativo. I lavoratori avranno a disposizione il numero di telefono dei due referenti sindacali, mentre sarà attivato ogni lunedì uno sportello all’interno dello stabilimento agordino aperto dalle 11.30 alle 14.30 per aiutare i dipendenti. «Abbiamo fatto coincidere questo sportello con i giorni di apertura del patronato: in questo modo, se dovessero esserci dei modelli da compilare o altro, possono fare domanda direttamente in azienda e non negli uffici del patronato», precisa Soccol. Ogni anno in Luxottica
l’8% dei dipendenti è un lavoratore con contratto di somministrazione (praticamente alcune centinaia) e pertanto il problema è molto sentito. Dell’iniziativa i sindacati hanno discusso anche con l’azienda «che non ha opposto alcuna obiezione, capendo infatti l’utilità del servizio che offriamo», continua il referente della Rsu Cisl, che aggiunge: «Se poi il servizio funzionerà, lo esporteremo anche in altre fabbriche».


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia