No all’esternalizzazione: ridurre i costi è possibile ottimizzando ciò che c’è già


Un deciso no alle esternalizzazioni arriva, anche con l’anno nuovo, dai lavoratori Ubis, che hanno organizzato un presidio davanti alla sede di San Michele Extra, in via Monte Bianco, per manifestare il proprio dissenso. Ubis, infatti, società del gruppo Unicredit, che si occupa di supporto tecnico, servizi informatici e di back-office per l’attività bancaria e a Verona conta circa 750 dipendenti, distribuiti nei due poli di San Michele Extra e di Sommacampagna, ha recentemente deciso di esternalizzare parte del lavoro attraverso una joint venture con altre società, dove però Unicredit non avrà la maggioranza. Il progetto Newton, questo il nome dato alla decisione del gruppo, coinvolge complessivamente 2.200 persone in Europa, 800 in Italia e circa 130 nel veronese. “I rischi potrebbero essere legati al fatto che la spezzettatura porti come conseguenza naturale al licenziamento indiscriminato, dilazionato nel tempo” spiega Andrea Gironda, segretario di coordinamento Fiba Cisl Ubis “insomma sembra solo una soluzione di mezzo in vista di licenziamento o dello spostamento del lavoro in Polonia”. Per questo i rappresentanti dei lavoratori hanno fornito alla società delle soluzioni alternative per ottimizzare l’attività di Ubis e abbattere i costi. “L’azienda dice che fa questa joint venture per una questione di business, per ricercare all’estero nuovi investimenti e possibilità di liquidità commerciale” commenta Gironda “Noi chiediamo invece che l’esternalizzazione non venga fatta perché è alla base di una politica sbagliata e risparmiare sui costi si può in maniera alternativa,. Basterebbe ridurre i consulenti esterni, che sono più di 2200 e hanno un costo altissimo. Se si puntasse sui dipendenti si potrebbero abbattere le spese, basterebbe fare formazione e riqualificazione dei dipendenti interni. Inoltre, ci sono tantissimi manager e riducendo il numero di questi si potrebbe abbattere costi molto elevati”. Tutto comunque verrà deciso nelle prossime ore, in questo momento infatti l’amministrazione è riunita a Milano per fare il punto con i rappresentanti dei dipendenti e vagliare insieme la rosa delle soluzioni possibili.


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia