Maistri: finisce tutto in cassa integrazione?


É partita la procedura di cassa integrazione straordinaria per i 64 dipendenti della Maistri, che a fine luglio si erano riuniti in assemblea, insieme ai rappresentanti sindacali della Filca Cisl, per fare il punto della crisi di          un’ azienda che da un anno e mezzo cercava di sopravvivere. A nulla è valso allearsi con Minotti e Giacomelli, una ceduta al Fondo Opera e l’altra fallita, sulla Maistri gravano troppi debiti con banche e fornitori.

Da qui la decisione di chiedere la liquidazione volontaria, il cui atto è stato firmato lo scorso venerdì.

Resta tesa, però la situazione per i lavoratori, che dopo sistematici ritardi nei pagamenti devono ancora percepire il 75% della busta paga di maggio, a cui si sommano le mensilità di giugno, luglio e agosto, nonostante l’attività dell´azienda sia sempre proseguita.

Ora ci sarebbero due gruppi interessati all´azienda, rende noto Mario Ortombina, segretario della Filca Cisl, e le due realtà avrebbero già fatto delle proposte, in particolare, vi sarebbe interesse per il capannone.

La Maistri ha posto una condizione all´eventuale acquirente: che la produzione non venga spostata. Servono però interventi economici rapidi, questo tipo di attività non può restare ferma per troppo tempo. La produzione al momento è bloccata perché i magazzini sono vuoti, tuttavia fino a pochi giorni prima della chiusura continuavano ad arrivare ordinativi. “Abbiamo tempo fino a fine settembre per trovare un acquirente senza che venga compromessa l´attività dell´azienda” commenta Ortombina anche se, qualora l´azienda dovesse riaprire, non tutti verrebbero infatti assorbiti. Il posto infatti verrebbe garantito solamente ad una quarantina di dipendenti.

Speriamo non finisca tutto in cassa integrazione.


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia