Legge di stabilità 2013 – novità


Pubblichiamo le principali novità, per pensionati e lavoratori dipendenti, previste dalla Legge di stabilità 2013, approvata con la Legge 24 dicembre 2012 n. 228.

Tares
A partire dal 2013 è stata istituita la nuova tassa sui rifiuti ed i servizi che prenderà il posto di TARSU (Tassa sui rifiuti solidi urbani) e TIA (Tariffa di Igiene Ambientale).
La TARES sarà pagata su qualunque tipo di immobile, quindi anche su capannoni, magazzini e negozi ecc..e verrà pagata dal proprietario o da chi utilizza l’immobile (ad esempio l’affittuario).
La TARES prevede un pagamento rateale. Per il 2013 la prima rata, originariamente prevista ad aprile, slitta a luglio 2013.

Affitti-meno sconti per i proprietari
Si riduce dal 15% al 5% la deduzione forfetaria sui redditi delle locazioni ai fini IRPEF. La norma non riguarda chi ha scelto di pagare le imposte con la “cedolare secca”.

Detrazioni figli
La detrazione “teorica” sale sino a 950€ (prima era 800) per figli sopra i 3 anni e di 1.220 (prima era 900) per i figli sino a 3 anni.
Salgono a 400 € (prima erano 220) le ulteriori detrazioni per figli disabili.
Salgono di ulteriori 200 € le ulteriori detrazioni per chi ha più di 3 figli a carico.

Iva
Previsto un aumento dell’aliquota IVA dal 21% al 22% a far data dal 1 luglio 2013.

Cud Inps ed altri Enti Previdenziali
A decorrere dal 2013 l’INPS e gli altri enti previdenziali rendono disponibile il CUD in formato elettronico. Il contribuente può chiedere anche la trasmissione del CUD in forma cartacea.

Imu
Nel 2012 allo stato veniva versata una quota – corrispondente allo 0,38% – per tutti i fabbricati e/o terreni ad esclusione dell’abitazione principale che rimaneva al Comune.
Dal 2013 allo stato va versata la quota IMU solo per gli immobili di Categoria D – fabbricati industriali-. Tutti gli altri immobili (terreni e fabbricati – seconde case, case locate, case in uso gratuito, ecc…. – pagheranno IMU esclusivamente al Comune.

Reddito agrario – Reddito dominicale
Ai soli fini IRPEF, per gli anni 2013/2014 e 2015, i redditi dominicali ed agrari sono rivalutati del 15%. La rivalutazione è solo del 5% se il terreno è posseduto e condotto da coltivatori diretto o imprenditori agricoli.

Produttività
Prorogata la detassazione del premio di produzione e/o notturno sino al 2015.
Per godere della detassazione del 10% i nuovi parametri 2013 sono i seguenti:

  1. reddito percepito nel 2012 non superiore a 40.000 €
  2. retribuzione “detassabile” massimo 2500 € annui.

Il 36% passa al 50% sino a giugno 2013

Prorogato al 30 giugno 2013 il 55% per risparmio energetico
Già confermato con precedente norma il passaggio dal 36% al 50% per tutti gli interventi di ristrutturazione pagati con bonifico bancario a far data dal 21 giugno 2012 e sino al 30 giugno 2013.
Sempre sino al 30 giugno 2013 raddoppiato il limite di spesa detraibile che passa dai 48.000 € ai 96.000 €.
Confermata, ancora nel 2012, la proroga del 55% sino al 30 giugno 2013.

Riapertura dei termini per la rivalutazione delle aree edificabili
Riaperti i termini che consentono, a chi possiede un’area edificabile al 1 gennaio 2013, la rivalutazione del costo fiscale se l’area in questione verrà venduta a titolo oneroso. Termine per la rivalutazione 30 giugno 2013.
La rivalutazione consente, con il pagamento di un 4% sul valore venale.


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia