La situazione socio-economica a Verona


Disoccupazione al 4,7% a Verona, con picchi per quella giovanile, e decine di aziende affossate dalla crisi, ma anche segnali di ripresa sulle esportazioni e importazioni regionali. Sono i dati della presentazione sulla situazione socio economica veronese proposta da Cisl Verona e Lan, Local area network, in riferimento al 2009 e al 2010.

I disoccupati a Verona nel 2009 sono circa 20 mila, 4mila in più rispetto all’anno precedente, con il tasso di disoccupazione passato dal 3,8% al 4,7%. I disoccupati in Veneto nel 3° trimestre 2010 sono circa 114 mila, in discesa rispetto al picco del 2° trimestre (134 mila). Si riduce il tasso di disoccupazione, passato dal 6% al 5,2%. La disoccupazione giovanile sia in Veneto che a Verona è andata aumentando a partire dal 2007; il Veneto, così come Verona, fa registrare tassi piuttosto elevati, ma si rimane comunque al di sotto dei valori medi nazionali. Al 3° trimestre 2010, la disoccupazione giovanile è al 16,7% in Veneto, al 24,7% in Italia. Invitiamo a verificare questi dati e visionare gli andamenti degli indicatori scaricando la presentazione allegata.

Proseguendo a sfogliare il documento, troviamo che la disoccupazione giovanile in Veneto nel 2009 è cresciuta ad un ritmo doppio rispetto a quella complessiva. A Verona, nonostante la disoccupazione totale segua il trend regionale, nel 2009 la disoccupazione giovanile esplode: il tasso raddoppia.

In Veneto dall’inizio della crisi e fino al I° trimestre 2010 hanno perso il lavoro circa 11.500 stranieri. Circa un posto di lavoro su quattro perso è dunque di stranieri. Nella prima parte del 2010 gli stranieri disoccupati in Veneto sono poco meno di 33 mila, con un tasso di disoccupazione più che doppio rispetto a quello totale.

Sul fronte delle aperture di procedimenti di crisi aziendale, a Verona nel 2010 si registrano i seguenti numeri: 43 nella metalmeccanica, 20 nel commercio, 72 in aziende fino a 50 dipendenti, 140 hanno previsto la mobilità, in gran parte per crisi di mercato; oltre 2.200 lavoratori coinvolti su 11.200 circa (14,3%); aziende a Gennaio 2010: 9; lavoratori a Gennaio 2010: 130. Le procedure di crisi concluse, a Verona per il 2010: 83 nella metalmeccanica, 122 in aziende fino a 50 dipendenti, 166 riduzione per crisi mercato; coinvolto il 35,1% degli organici aziendali totali; oltre 1.700 in mobilità; aziende a Gennaio 2010: 18; lavoratori a Gennaio 2010: 616.

L’indebitamento complessivo delle imprese in Veneto è aumentato dal novembre 2008 del 3,5%, a Verona del 5,9%; la lieve crescita mostra come gli istituti di credito abbiano operato un allentamento dell’erogazione dei prestiti. Peggiora l’affidabilità del sistema imprenditoriale: le sofferenze sui debiti sono passate per il Veneto dal 2,9% di novembre 2008 al 5,9% del 2010, per Verona dal 2,4% al 4,6%. Il trend dei depositi bancari delle famiglie in Veneto è in lento ma inesorabile rallentamento. La variazione media da gennaio a novembre nel 2008 è stata del +0,6%, nel 2009 del +0,1%, nel 2010 del -0,5%.  Tranne per alcuni picchi registrati a giugno e a settembre 2010, anche il trend dei depositi bancari delle famiglie veronesi è in peggioramento. La variazione media da gennaio a novembre nel 2008 è stata del +1,1%, nel 2009 del +0,1%, nel 2010 del -1%.

Dopo il crollo del 2009, i primi tre trimestri del 2010 segnano la ripresa sia dell’export che dell’import veneto, rispettivamente del 14,5% e del 22,1%. Bene tutti i comparti trainanti: metallo +15,4% (-33% nel periodo precedente), macchinari +15,3% (-27,6%), TAC +8% (-19,1%), apparecchi elettrici +15,3% (-27,1%). Per la verifica dei dati qui esposti, ricordiamo ancora una volta di visionare la presentazione dettagliata, disponibile in allegato.


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia