Continuano le mobilitazioni per far riprendere la produzione alla Riva Acciaio


Grandissima partecipazione alle mobilitazioni in tutte le città dove sono presenti i siti di Riva Acciaio.

A Verona alla manifestazione hanno partecipato più di 500 lavoratori. All’incontro con il sindaco è stato ribadito che per le OOSS la cassa integrazione non è la soluzione al male, ma un primo passo necessario per coprire i giorni di assenza lavorativa.

Nel comunicato stampa del 14 settembre, la Procura di Taranto chiarisce che il sequestro patrimoniale dello scorso 14 luglio prevede l’utilizzo degli impianti e la possibilità di utilizzare i conti correnti sotto però il controllo del Custode Amministratore nominato dal Gip di Taranto.

“Il comunicato stampa della procura di Taranto – afferma M. Nobis segretario della Fim Verona – è un primo passo verso la ripresa lavorativa ma parziale”.

“Aspettiamo dalla procura e dal Gip un atto formale –continua Nobis – che tolga ogni alibi alla Riva Acciaio e che gli consenta il riavvio immediato degli impianti, in tempi rapidi. Se il riavvio non arriverà in tempi brevi, la mobilitazione continuerà sempre con più forza e determinazione”.

L’azienda,a Verona, ha cercato di portare i lavoratori dalla propria parte promuovendo una

raccolta di firme da inviare al Capo dello Stato senza concordarla con la Rsu, il foglio con le poche firme raccolte è stato stracciato.

“Un atto grave compiuto dalla direzione aziendale – spiega Giovanni Ballan Fim-Cisl, che non va nella direzione di avere uno spirito collaborativo che possa al più presto far rispondere il lavoro nello stabilimento.”


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia