Bonus bebè: cosa fare


bebè

Il Patronato Inas Cisl è a disposizione per consulenza e informazioni relative alla novità del “bonus bebè”.

Di seguito, un semplice vademecum riguardante questa opportunità.

Beneficiari della prestazione

L’assegno è riconosciuto per ogni figlio, nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017, di cittadini italiani o di uno stato membro dell’Unione europea nonché di cittadini stranieri (Paesi extra UE) che siano in possesso di un permesso UE per soggiornanti di lungo periodo.
I nuclei familiari beneficiari, al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata del beneficio, devono essere in possesso di un indicatore ISEE, calcolato secondo le nuove disposizioni introdotte dal D.P.C.M. del 5 dicembre 2013, n. 159 in vigore da gennaio 2015, non superiore a 25.000 euro annui.

Misura e durata dell’assegno

Il bonus, che non concorre alla formazione del reddito complessivo del nucleo familiare, è pari a 960 euro annui per figlio. Per i nuclei familiari con un valore ISEE non superiore a 7.000 euro, l’importo annuo è raddoppiato e, pertanto, pari a 1.920 euro.
L’assegno è corrisposto mensilmente dall’Inps, su domanda del genitore interessato convivente con il figlio, per un importo rispettivamente di 80 o 160 euro, a seconda della misura annua a cui si ha diritto, a decorrere dal giorno della nascita o dell’ingresso infamiglia in caso di adozione e fino al compimento del terzo anno di età del figlio ovvero fino al terzo anno dall’ingresso nel nucleo familiare a seguito dell’adozione.

Presentazione della domanda

La richiesta del bonus è presentata esclusivamente in modalità telematica utilizzando i modelli che l’Istituto di previdenza predisporrà entro il 25 aprile 2015.
La domanda può essere presentata dal giorno della nascita o dell’ingresso del minore in famiglia a seguito dell’adozione ed entro 90 giorni dal verificarsi dell’evento, ovvero entro i 90 giorni successivi all’entrata in vigore del Decreto di attuazione (vale a dire entro il 24 luglio 2015). Nel caso in cui la domanda sia presentata oltre tali termini, l’assegno decorre dal mese di presentazione della domanda.
In base a tale disposizione, quindi, per i nati o adottati prima dell’entrata in vigore del Decreto è possibile presentare l’istanza, percependo tutte le mensilità arretrate, entro il 24 luglio 2015.
La domanda deve essere presentata una sola volta per ciascun figlio.

Il Decreto assegna all’Inps il compito di verificare che la dichiarazione sostitutiva unica (DSU) ai fini ISEE sia stata aggiornata alla scadenza e che permanga il possesso del requisito ISEE al momento della domanda e per tutta la durata della prestazione.

Decadenza

Il nucleo familiare beneficiario decade dal bonus se supera il valore ISEE previsto dalla legge e qualora si verifichi una delle seguenti cause:
a) decesso del neonato;
b) revoca dell’adozione;
c) decadenza dall’esercizio della responsabilità genitoriale;
d) affidamento del figlio a terzi;
e) affidamento esclusivo del figlio al genitore che non ha presentato la domanda.
In questi casi, l’Inps interrompe l’erogazione dell’assegno a partire dal mese successivo a quello in cui si è verificata la causa di decadenza.
Il genitore richiedente ha l’obbligo di comunicare tempestivamente all’Inps l’eventuale verificarsi di una delle cause di decadenza, fermo restando il recupero da parte dell’Istituto delle somme indebitamente erogate.

Monitoraggio e copertura finanziaria

L’Istituto di previdenza provvede mensilmente a monitorare l’onere che l’Inps sostiene per le liquidazioni dell’assegno in esame e, qualora per tre mensilità consecutive, questo sia superiore alle previsioni di spesa, lo stesso sospende l’acquisizione di nuove domande nelle more dell’adozione del Decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e con il Ministro della salute, con cui si provvede a rideterminare l’importo annuo dell’assegno e i valori di ISEE, in base a quanto previsto dall’art. 1, comma 127 della legge n. 190 del 2014.


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia