06 agosto 2013 - Felsa

Tirocinio in Europa

Tirocinio in Europa

Si è aperto a metà luglio e scadrà il 30 agosto a mezzanotte il termine per candidarsi alla seconda tornata annuale di tirocini messi a bando dalla Commissione europea, ultimamente tra i più ambiti vista la scarsità di opportunità di lavoro. E non solo per l’aura di prestigio che circonda l’istituzione, ma anche per questioni più terrene: come per esempio un compenso che supera i mille euro mensili – la borsa è di 1.070 – oltre al rimborso delle spese di viaggio per chi abita a più di 50 chilometri da Bruxelles, che viene versato a fine tirocinio, o entro due mesi se si viene destinati a una sede diversa dalla capitale belga, e il riconoscimento dell’assicurazione sanitaria.

La durata complessiva dei tirocini è di cinque mesi, prorogabili a sei. L’inizio è previsto per il primo marzo 2014 (mentre sono tuttora in corso le selezioni finali per il blocco di traineeship in partenza il primo ottobre 2013). I posti totali da spalmare su tutto l’anno sono circa 1300, è specificato sul sito, quindi per ogni troncone vengono ammessi circa 6-700 stagisti: un numero cospicuo, che fa ben sperare. Anche perché i requisiti di ammissione non sono molto stringenti: basta avere una laurea triennale e una conoscenza fluente di due lingue ufficiali europee, tra cui inglese, francese e tedesco.

Non è neppure indispensabile la cittadinanza europea: gli stage sono aperti a chiunque (escluso solo chi abbia già avuto almeno sei settimane di esperienza di stage in una qualunque istituzione europea), con l’unico paletto per cui, se si tratta di un tirocinio nel settore delle traduzioni – la scelta è tra questi o quelli amministrativi – è obbligatorio avere come prima lingua madre uno degli idiomi ufficiali Ue, e come seconda l’inglese, il francese o il tedesco. Tuttavia, anche se sono ammessi cittadini da tutto il mondo, la maggior parte degli stage è riservata a chi proviene dall’Europa, mentre ai restanti viene garantita solo una quota minima di posti.

Ci si può offrire per ognuna delle delegazioni di cui dispone la Commissione, e per qualunque ambito, dal legislativo alle risorse umane al politico. La sede a cui si viene assegnati potrebbe anche essere, oltre che Bruxelles, Lussemburgo o qualunque città europea in cui si trovi un ufficio di rappresentanza della Commissione (in genere sono le principali metropoli dell’Unione europea come Parigi o Londra).

La fase della preselezione, che si svolge tra metà settembre e la fine di ottobre, è nelle mani di un comitato «composto da funzionari della Commissione, conformemente alle linee guida e ai criteri definiti dall’ufficio tirocini, pubblicati sul sito internet» si legge sul sito. «I lavori del comitato sono riservati, definitivi e vincolanti» e dalla valutazione di percorso accademico e competenze dipende l’ammissione al Blue Book, il cui esito viene pubblicato online. Durante questo step i reclutatori possono anche realizzare interviste telefoniche per ‘testare’ i candidati. Solo ai finalisti arriverà una lettera ufficiale entro dicembre 2013. Però attenzione: concluso il traineeship non ci sono speranze di assunzione in Commissione europea, se non tramite concorso pubblico: è un’istituzione pubblica e come tale il procedimento è quello.

Per info:
http://www.repubblicadeglistagisti.it/article/commissione-europea-800-stage-da-piu-di-mille-euro-al-mese?prov=nl

> condividi l'articolo:
Segnala ad un amico con una mail

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

24 luglio 2014 - Felsa

La Pensione Complementare

La Pensione Complementare

• COS’E’ LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE? La previdenza complementare è una forma di previdenza che si aggiunge a quella obbligatoria ma non la sostituisce. È fondata su un sistema di finanziamento … >>

24 luglio 2014 - Coordinamento donne

Proteste verso il dimezzamento dei fondi regionali concessi ai centri antiviolenza

Proteste verso il dimezzamento dei fondi regionali concessi ai centri antiviolenza

Il Coordinamento dei Centri Antiviolenza ha deciso di inviare una lettera di riprovazione alla Giunta regionale, agli Assessori e Consiglieri della regione Veneto In riferimento all’iter di approvazione della deliberazione … >>

23 luglio 2014 - Fim

La desertificazione del tessuto metalmeccanico industriale Veronese

La desertificazione del tessuto metalmeccanico industriale Veronese

Sempre più si stanno dismettendo siti industriali, gioielli industriali, per problemi finanziari e cattiva gestione manageriale. Si chiudono cancelli di fabbriche dove c’è ancora lavoro, commesse da evadere e un … >>

23 luglio 2014 - Felsa

Over 55 punto debole del nostro welfare

Over 55 punto debole del nostro welfare

La situazione del mercato del lavoro per quanto riguarda i lavoratori over 55 resta particolare e per certi versi critica. Secondo il rapporto “welfare to work” di Italia Lavoro (agenzia … >>


Chi siamo

Il sindacato Cisl Verona offre tutela e servizi ai lavoratori di ogni settore, ai pensionati, ai disoccupati, senza alcun pregiudizio politico o religioso. Con oltre 70mila iscritti..

Scopri CISL Verona >>


Dove siamo

Siamo presenti in tutto il territorio veronese

Scopri le sedi CISL in provincia >>


CISLVERONATV

EVENTIINARRIVO

NEWSLETTER

Enti Bilaterali