Ex Crediveneto: niente licenziamenti, ora il rilancio della Banca


Comunicato stampa

Ex Crediveneto
Niente licenziamenti, ora il rilancio della Banca

Dopo un lungo ed estenuante confronto durato mesi, complicato dalle ulteriori difficoltà reddituali di settore legate alla  drammaticità della crisi in atto e dall’incertezza per l’esito della riforma, si è giunti nella nottata di ieri alla sottoscrizione di un’ipotesi di accordo. Le soluzioni adottate si articolano in una pluralità di strumenti: 58 uscite tra prepensionamenti e dimissioni volontarie incentivate, 10 ricollocamenti in altre società del gruppo dentro la regione e per le restanti 10 un contributo temporaneo e solidaristico da parte dei restanti lavoratori.

L’obiettivo di tutelare i posti di lavoro è stato raggiunto.

Le Segreterie Provinciali esprimono tuttavia perplessità per l’assenza, a tutt’oggi, di un piano di rilancio dell’Azienda nella regione e ritengono invece che da subito si debba lavorare perché la Banca si riappropri del ruolo che le spetta e che sia in forte sinergia col territorio.

Ora saranno le Lavoratrici e i Lavoratori ad esprimersi con il voto sui contenuti del l’ipotesi sottoscritta.

Verona, 29 settembre 2016

LE SEGRETERIE PROVINCIALI FABI–FIRST CISL–FISAC CGIL

LE RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI FABI–FIRST CISL–FISAC CGIL

Scarica il comunicato


2019 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona • Lungadige Galtarossa 22/D - 37133 Verona • Tel. 045 8096911 • Privacy e cookie policy • Credits Slowmedia