Smart working: tra realtà e falsi miti


Nell’ambito degli interventi previsti dal Progetto “Lavorare smart: soluzioni agili per competere”, che ha come partner operativo anche Centro Servizi Cisl (Csc) Srl, è stato organizzato l’incontro

Smart working: tra realtà e falsi miti

L’incontro ha l’obiettivo di condividere elementi tecnici e concettuali di riferimento della conciliazione vita-lavoro ed in particolare delle soluzioni aziendali “smart oriented”, al fine di avviare e stimolare un momento di confronto costruttivo con le aziende, le parti sociali e le istituzioni del territorio regionale.

Data e orario: 14/07/2016, con inizio alle ore 14

Luogo: t²i, Trasferimento Tecnologico e Innovazione – Sala convegni – Corso Porta Nuova, 96 – 37122 – Verona

Programma
14.30 – La Conciliazione Vita&Lavoro a Verona: il percorso, le esperienze precedenti e il progetto Lavorare Smart  (Marco Brunelli – t2i)

15.00 –  Come cambia l’azienda e il territorio grazie alle nuove soluzioni organizzative di “smart working”, tra aspetti concettuali e normativi (Stefania Cazzarolli – Variazioni Srl)

16.00 – Best case: aziende “Smart working oriented” – punti di forza e criticità. Sara Nidasio – Direttore Risorse Umane CNP Unicredit Vita S.p.A.; Barbara Marin – Responsabile Pari Opportunità – Work Life Balance Direzione Risorse Umane – Banco Popolare

17.00 – Dibattito/tavola rotonda di condivisione di significati e prospettive (perché sì o perché no; difficoltà; opportunità e falsi miti)

18.00 – Quali opportunità offrono i progetti LAVORARE SMART: SOLUZIONI AGILI PER COMPETERE e INNOVAZIONE: SOSTANTIVO FEMMINILE (Franca Bandiera– t2i)

18.30 – CONCLUSIONI dei lavori e Aperitivo finale

La partecipazione è gratuita, ma per motivi organizzativi è necessario iscriversi online entro il 12/07/2016:

Per maggiori informazioni e per iscrizioni: http://www.t2i.it/eventi/?ID=567

Scarica la locandina


2022 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona. Lungadige Galtarossa 22/D, 37133 Verona • Credits Slowmedia