Verona sicura. Vigili del Fuoco professionisti sul territorio


Sin da tempi remoti abbiamo sempre sostenuto che sul territorio apparivano scoperte sia le comunità veronesi ad Est raggiungibili con più di mezz’ora di viaggio (Illasi, Monteforte d’Alpone, Soave e le valli: val d’Alpone, val d’Illasi, val Tramigna, ecc.) e a Sud/Ovest (Villafranca, Valeggio sul Mincio, Mozzecane, ecc) e che necessitava la presenza di presidi permanenti dei VVF.

La provincia di Verona presenta una realtà antropogeografica diversificata e molto ramificata sul territorio anche a seguito del modello di sviluppo del Nord/Est con insediamenti industriali ed urbani di notevole importanza.

Le altre province del Veneto, escluso Rovigo, vedono la capillare presenza sul territiorio di distaccamenti VVF in gran parte di tipo permanente mentre per Verona non si è mai ricevuta una tal risposta negli anni.

Con la firma del decreto di apertura di un distaccamento nel Comune di Villafranca, si apre una nuova ipotesi di organizzazione dei soccorsi nella nostra provincia.
Vale la pena ricordare ancora che, ormai da decenni, il personale dei Vigili del Fuoco chiede l’apertura di un distaccamento nel villafranchese, in considerazione dell’alta densità abitativa e della imponente industrializzazione di quell’area geografica.
Infatti, negli scorsi anni, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco aveva previsto l’apertura di un distaccamento permanente nei dintorni dell’area aeroportuale (obiettivo sensibile).
Anche per questo, riteniamo che l’interesse dimostrato dal Comune di Villafranca, a cui va il nostro ringraziamento, per il servizio prestato dai Vigili del Fuoco, meriti una risposta professionale e puntuale, 24 ore su 24.
È del tutto evidente che si è arrivati comunque alla firma del decreto per merito di un’ottima integrazione fra personale permanente e personale volontario operante nella provincia di Verona.
Altrettanto evidente e conseguente risulta la necessità di arrivare all’apertura, in tempi rapidi, di un distaccamento perlomeno misto, presidiato h 24 da personale professionista, a cui si possa affiancare il personale volontario (sarebbe stato preferibile permanente come anzi detto).

Personale volontario che, per propria natura, non potrebbe, se lasciato solo, garantire quel presidio costante che la zona del villafranchese richiede.
Va ricordato, inoltre, che, alla luce dei vigenti decreti riguardanti i volontari VV.F., nessun volontario reclutato a Verona può svolgere le funzioni di Capo Squadra, così come risicata risulta essere la specializzazione riguardante la conduzione dei mezzi di soccorso.

Al fine del contingente permanente eventualmente necessario si potrebbe attingere al livello nazionale dal personale resosi disponibile a seguito della chiusura di distaccamenti o presidi aeroportuali (aeroporto di Forlì o altri di imminente declassamento).

Firma la petizione

 


2019 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona • Lungadige Galtarossa 22/D - 37133 Verona • Tel. 045 8096911 • Privacy e cookie policy • Credits Slowmedia