Schermature solari: cosa fare per recuperare il 65% di detrazione


Con un piccolo ritardo, dovuto ai dubbi interpretativi sulla tipologia di schermature solari, è stato aperto il portale ENEA (l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) per l’invio della documentazione necessari al fine di ottenere la detrazione del 65% , per le spese sostenute fino al 31/12/2015.

Possono esserci tre categorie di schermature solari: da interno, da esterno, fra vetri; e sono ugualmente coperte dall’estensione dell’Ecobonus 65%.

Rientrano nelle schermature solari:

  • scuri
  • tende alla veneziana
  • tapparelle
  • persiane a battente, alla veneziana o a soffietto
  • tende esterne a bracci pieghevoli o rotanti, a rullo, verticali
  • tende per lucernari e finestre su tetto.

Questi i requisiti fondamentali per consentire la detraibilità dell’intervento:

  1. Le schermature devono essere “solidali” all’involucro edilizio: il loro scopo primario deve essere quello di impedire che gli ambienti interni si surriscaldino a causa delle radiazioni solari dirette durante il periodo estivo, riducendo l’eventuale uso di climatizzatori o ventilatori.
  2. Le schermature devono essere mobili , tale caratteristica può essere raggiunta mediante differenti declinazioni: sistemi a lamelle, come veneziane e frangisole oppure a schermo (tende a caduta o a rullo).
  3. Efficienza energetica. Non è previsto alcun obbligo in materia di parametri minimi di efficienza energetica. Nella scheda informativa da compilare per usufruire della detrazione è possibile indicare anche un valore “zero” per ciò che riguarda le classi energetiche a ciò riferite, rendendo quindi non perentorio tale requisito. Stesso discorso vale per il risparmio energetico: l’ENEA consente infatti di barrare valore “zero” anche nell’allegato F inerente al risparmio energetico.
  4. Limiti massimi per l’applicazione. Il limite massimo di detrazione per il Bonus schermature solari si assesta sulla soglia dei 60mila euro: che tradotto corrisponderebbe ad una fornitura massima di circa 92mila euro (posa compresa).

La detrazione del 65% (schermature solari ed anche Ecobonus), si applica in favore sia delle persone fisiche che di imprese e società e per tutti gli interventi eseguiti anche su edifici non residenziali con esclusione degli immobili-merce (prodotti per la vendita dalle imprese edili) e dei fabbricati locati.

Possono fruire della agevolazione anche i condomìni (per gli interventi sulle parti comuni condominiali), gli inquilini, coloro che hanno l’immobile in comodato, i contribuenti che conseguono reddito d’impresa, ed anche le associazioni tra professionisti e gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

Per tutte le informazioni è possibile rivolgersi al Servizio casa e al Caf Cisl.


2019 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona • Lungadige Galtarossa 22/D - 37133 Verona • Tel. 045 8096911 • Privacy e cookie policy • Credits Slowmedia