Cedolare secca al 10% nelle aree colpite da alluvioni e terremoti


Sono stati siglati i primi due accordi territoriali per il comune di San Bonifacio e Negrar che prevedono la possibilità di applicare la cedolare secca al 10% nelle aree colpite da alluvioni e terremoti. In fase di definizione anche gli accordi a Brenzone e Soave.
In Veneto, a seguito delle alluvioni e dei terremoti, infatti, sono state attivate una serie di agevolazioni che aiutano proprietari di case e inquilini. Una di queste è proprio la cedolare secca al 10% per i proprietari di abitazioni che affittano a canone concordato.

Il provvedimento, che abbassa le tasse dall’aliquota piena del 21%, già attivo dal 1998 per i comuni ad alta densità abitativa, è stato esteso ai comuni in stato di emergenza nazionale.
La cedolare secca favorisce sia gli inquilini, perché l’affitto viene a costare di meno, ma anche il proprietario di casa perché paga meno tasse. Il periodo di validità riguarda il quadriennio 2014-2017.

Per ulteriori informazioni, chiama il Servizio Casa al n. 0458096986


2019 Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori, Unione Sindacale Territoriale di Verona • Lungadige Galtarossa 22/D - 37133 Verona • Tel. 045 8096911 • Privacy e cookie policy • Credits Slowmedia